News

---------------------------------------------------------------------
Ultime da palazzo Chigi con Ninetto Davoli
Mercoledi, 15 Luglio 2020
Angelina a che è valso che ho scritto la tua istanza di divorzio da Brad Pitt
Mercoledi, 15 Luglio 2020
Ad Angelina
Martedi, 14 Luglio 2020
Bernardett e la famiglia Gambino
Venerdi, 10 Luglio 2020
Sono aperte le iscrizioni a Campus HDPMMO
Martedi, 7 Luglio 2020
Roitelle Agency 6 Luglio 2020
Lunedi, 6 Luglio 2020
Vendesi opera completa di Storia della Musica
Mercoledi, 1 Luglio 2020
Riflessione sui diritti umani tratti dalle Lezioni Londinesi
Sabato, 16 Maggio 2020
Adam Smith
Sabato, 16 Maggio 2020
Dai figli dei fiori ai teenagers della insolvenza dello strappo baby dull alle ginocchia dei jeans
Lunedi, 20 Aprile 2020
Rubrica di idiomi di vocaboli di singolarità e storielle
Sabato, 18 Aprile 2020
Second time)Proclamazione della secessione dall'Unione monetaria europea
Sabato, 11 Aprile 2020
Dal secolo breve alla notte dei tempi al declino dell'oracolismo
Venerdi, 27 Marzo 2020
La menzogna più frequente sul capitalismo
Venerdi, 13 Marzo 2020
News Hpdmmo: Perugia 20 Gennaio 2020
Giovedi, 12 Marzo 2020
---------------------------------------------------------------------

Second time)Proclamazione della secessione dall'Unione monetaria europea
Sabato, 11 Aprile 2020

PROCLAMAZIONE DELLA SECESSIONE DALL’UNIONE MONETARIA EUROPEA

 

 

 

Fabrizio Maria Lo Monaco  come naturale depositario della cultura liberale in Italia  ultimo baluardo di un sistema finanziario allo sbando PROCLAMA la secessione dell’Italia dallo Stato unico europeo ( Istituito con il trattato di Maastricht del 10 Dicembre del 1991) al fine di ripristinare le condizioni della prosperità della libertà economica e della pace a cui l’Italia nella sua tradizione liberale da Camillo Cavour sino agli epigoni della Scuola austriaca di economia in Italia come Luigi Einaudi  Bruno Leoni Sergio Ricossa Carlo Lottieri Oscar Giannino Hans Herman Hoppe per citarne solo alcuni tra i più autorevoli  può aspirare per permettere ai cittadini italiani e ai cittadini europei  che desiderano condividere una tale idea la affermazione di una economia di libero scambio   la cui rinuncia ha costituito la causa della attuale crisi e delle vicissitudini che essa implica per ciascun cittadino europeo all’interno dello Stato unico europeo e della sua reliquia: la moneta unica

L’Italia come paese appartenente al Vecchio Continente non può tollerare il dispotismo dell’Unione monetaria europea che con l’instaurazione dello Stato unico europeo a mezzo della moneta unica ha decretato la dissoluzione degli originari vincoli di amicizia tra le nazioni europee istituiti con  l’istituzione della Comunità economica europea con il Trattato del  25 marzo del 1957. Una tale situazione di progressiva dissoluzione del sistema di libero scambio   tra i paesi europei e la violazione dei principi ispiratori del trattato istitutivo della Comunità economica europea ( libera concorrenza libera circolazione delle persone delle merci e dei capitali divieto delle pratiche restrittive della libera concorrenza  delle pratiche monopolistiche e dei cartelli lesivi del libero scambio) ha costituito il pretesto e lo scopo per gli unionisti per affermare lo statalismo europeo e per invocare e realizzare forme di totalitarismo  che sono la diretta conseguenza della protervia dei loro propugnatori uniti dalle loro aspirazioni tecnocratiche allo  Sato unico europeo:  tecnocratico antidemocratico e totalitario.

 

Second time) non si può ritenere  che la guerra debba essere preferibile alla pace. Che l’indifferentismo e il disprezzo della umana ragione debba prevalere sulla ricerca della razionalità critica. Se la guerra produce fame e miseria l’umanità non può preferirla alla pace. E se il real time della guerra dell’ultimo sanguinoso conflitto planetario tra le due fazioni avverse ha insegnato qualcosa al genere umano è che in guerra non c’è mai alcun vincitore. Ma ciò non  esime dal porre premesse razionali se si vuole cercare la pace. E tali premesse non possono che contenere le reciproche dichiarazioni di abbandono dello stato di guerra per tentare di ripristinare le condizioni di vita umane e lecite. Non si può cedere alla logica degli intrighi se non si vuole persistere nella logica della guerra. Ebbene perché ciò possa avvenire la fazione che persegue lo scopo del socialismo deve riconoscere il carattere bellicoso dell’economia socialista e la fazione che persegue lo scopo dell’economia di mercato può in tale ipotesi recedere dal porre ancora azioni a carattere militare nella propria agenda politica per addivenire ad una transazione che consista in un semplice tentativo di pace condotto step by step al fine dichiarato. Ma perché ciò possa avvenire si deve permettere alle famiglie dilaniate negli affetti di ricomporsi. E a chi ha voglia di intraprendere un’impresa economica di poterlo fare. E a chi desidera produrre e scambiare i propri prodotti di poterlo fare. E per fare ciò non si deve ancora una volta anteporre la libido al linguaggio. E si deve evitare di interferire nelle questioni libidiche che devono rimanere di esclusiva competenza dei soggetti direttamente coinvolti e non essere oggetto della depredazione politica o della interferenza di chicchessia. Queste piccole ma audaci premesse possono costituire la base giuridica ed economica per evitare la guerra permanente e per evitare al genere umano di rimanere incappato nella miserabile condizione della guerra e del conflitto. 

 

 

Ludwig von Mises Institute - WikipediaFrasi di Murray Newton Rothbard | Citazioni e Aforismi   Adam Smith - Wikipedia                                                        Italy 11 Aprile 2020

 

      firmatari: Fabrizio Maria Lo Monaco The Free University of London: London School of Economics … | FlickrElezioni 2013 | Fermare il declino | Oscar Giannino | Risultati ...Woody Allen | il regista parla del suo matrimonio celebrato da ...Indipendentisti veneti / Carlo LottieriMises Institute - Happy Birthday, Hans-Hermann Hoppe! You ...Mark Zuckerberg | Money.itMa chi è George Soros? - Il PostWalter Block on Consent — SteemitDemocracy: The God That Failed by Hans Hermann Hoppe — SteemitDavid Gordon on Libertarian Philosophy - YouTube

 

--

Il valore di una merce non dipende dalla sua natura, ma dalla stima degli uomini, anche se quella stima è folle. (Diego De Cavarubbias)

--

La proprietà è una conseguenza necessaria della natura dell'uomo. (Claude Frédéric Bastiat)

--

La tassa migliore è sempre la più leggera.
(Jean Baptiste Say)

--

L'economia si occupa dei problemi fondamentali della società; interessa tutti e appartiene a tutti: è il principale e specifico studio di ogni cittadino. (Ludwig von Mises)

--

 

 
   
 
 
   
I Mission I News I Servizi I Contatti I Consultazione I Acquisti I
2005 Copyright © Fabrizio Maria Narciso 
http://www.societaaperta.com/mission.htm http://www.societaaperta.com/news.php http://www.societaaperta.com/servizi.php http://www.societaaperta.com/consulenze.htm http://www.societaaperta.com/impegni.htm http://www.societaaperta.com/contatti.htm http://www.societaaperta.com/home2.htm http://www.societaaperta.com/arte_cultura.php http://www.societaaperta.com/filosofia_scienzesociali.php http://www.societaaperta.com/liberalismo.php http://www.societaaperta.com/libertarismo.php http://www.societaaperta.com/metodologia_scienze.php