News

---------------------------------------------------------------------
Comunicato Stampa da parte di Fabrizio Maria Lo Monaco
Lunedi, 4 Gennaio 2021
This is my point of view
Lunedi, 5 Ottobre 2020
Il mio ciclo triennale ......
Venerdi, 18 Settembre 2020
Alla cortese attenzione della Corte di Giustizia nella persona del Gip Natalia Giubilei
Venerdi, 18 Settembre 2020
La nuova epoca vista dallo spioncino della mia porta
Venerdi, 11 Settembre 2020
Per me questi o quelli pari sono
Mercoledi, 9 Settembre 2020
Platone (liberamente tratto dalla Società aperta e i suoi nemici
Giovedi, 3 Settembre 2020
Il valore della libertà
Martedi, 1 Settembre 2020
Per una contingenza della speranza: la causa della crisi è della globalizzazione non della democrazi
Mercoledi, 26 Agosto 2020
La lupa la cagna l'imbroglione e i gatti snob
Giovedi, 20 Agosto 2020
La borghesia è un carattere
Giovedi, 20 Agosto 2020
Settimo: non rubare Think Tank : la differenza tra il gattò e il soufflé
Mercoledi, 22 Luglio 2020
Roitelle Agency 6 Luglio 2020
Lunedi, 6 Luglio 2020
Dai figli dei fiori ai teenagers della insolvenza dello strappo baby dull alle ginocchia dei jeans
Lunedi, 20 Aprile 2020
Rubrica di idiomi di vocaboli di singolarità e storielle
Sabato, 18 Aprile 2020
Seventh time)Proclamazione della secessione dall'Unione monetaria europea
Sabato, 11 Aprile 2020
Dal secolo breve alla notte dei tempi al declino dell'oracolismo
Venerdi, 27 Marzo 2020
News Hpdmmo: Perugia 20 Gennaio 2020
Giovedi, 12 Marzo 2020
---------------------------------------------------------------------

Seventh time)Proclamazione della secessione dall'Unione monetaria europea
Sabato, 11 Aprile 2020

PROCLAMAZIONE DELLA SECESSIONE DALL’UNIONE MONETARIA EUROPEA

 

 

 

Fabrizio Maria Lo Monaco  come naturale depositario della cultura liberale in Italia  ultimo baluardo di un sistema finanziario allo sbando PROCLAMA la secessione dell’Italia dallo Stato unico europeo ( Istituito con il trattato di Maastricht del 10 Dicembre del 1991) al fine di ripristinare le condizioni della prosperità della libertà economica e della pace a cui l’Italia nella sua tradizione liberale da Camillo Cavour sino agli epigoni della Scuola austriaca di economia in Italia come Luigi Einaudi Oscar Giannino Hans Herman Hoppe per citarne solo alcuni tra i più autorevoli  può aspirare per permettere ai cittadini italiani e ai cittadini europei  che desiderano condividere una tale idea la affermazione di una economia di libero scambio   la cui rinuncia ha costituito la causa della attuale crisi e delle vicissitudini che essa implica per ciascun cittadino europeo all’interno dello Stato unico europeo e della sua reliquia: la moneta unica.

First time: L’Italia come paese appartenente al Vecchio Continente non può tollerare il dispotismo dell’Unione monetaria europea che con l’instaurazione dello Stato unico europeo a mezzo della moneta unica ha decretato la dissoluzione degli originari vincoli di amicizia tra le nazioni europee istituiti con  l’istituzione della Comunità economica europea con il Trattato del  25 marzo del 1957. Una tale situazione di progressiva dissoluzione del sistema di libero scambio   tra i paesi europei e la violazione dei principi ispiratori del trattato istitutivo della Comunità economica europea ( libera concorrenza libera circolazione delle persone delle merci e dei capitali divieto delle pratiche restrittive della libera concorrenza  delle pratiche monopolistiche e dei cartelli lesivi del libero scambio) ha costituito il pretesto e lo scopo per gli unionisti per affermare lo statalismo europeo e per invocare e realizzare forme di totalitarismo  che sono la diretta conseguenza della protervia dei loro propugnatori uniti dalle loro aspirazioni tecnocratiche allo  Sato unico europeo:  tecnocratico antidemocratico e totalitario.

 

Second time) non si può ritenere  che la guerra debba essere preferibile alla pace. Che l’indifferentismo e il disprezzo della umana ragione debba prevalere sulla ricerca della razionalità critica. Se la guerra produce fame e miseria l’umanità non può preferirla alla pace. E se il real time della guerra dell’ultimo sanguinoso conflitto planetario tra le due fazioni avverse ha insegnato qualcosa al genere umano è che in guerra non c’è mai alcun vincitore. Ma ciò non  esime dal porre premesse razionali se si vuole cercare la pace. E tali premesse non possono che contenere le reciproche dichiarazioni di abbandono dello stato di guerra per tentare di ripristinare le condizioni di vita umane e lecite. Non si può cedere alla logica degli intrighi se non si vuole persistere nella logica della guerra. Ebbene perché ciò possa avvenire la fazione che persegue lo scopo del socialismo deve riconoscere il carattere bellicoso dell’economia socialista e la fazione che persegue lo scopo dell’economia di mercato può in tale ipotesi recedere dal porre ancora azioni a carattere militare nella propria agenda politica per addivenire ad una transazione che consista in un semplice tentativo di pace condotto step by step al fine dichiarato. Ma perché ciò possa avvenire si deve permettere alle famiglie dilaniate negli affetti di ricomporsi. E a chi ha voglia di intraprendere un’impresa economica di poterlo fare. E a chi desidera produrre e scambiare i propri prodotti di poterlo fare. E per fare ciò non si deve ancora una volta anteporre la libido al linguaggio. E si deve evitare di interferire nelle questioni libidiche che devono rimanere di esclusiva competenza dei soggetti direttamente coinvolti e non essere oggetto della depredazione politica o della interferenza di chicchessia. Queste piccole ma audaci premesse possono costituire la base giuridica ed economica per evitare la guerra permanente e per evitare al genere umano di rimanere incappato nella miserabile condizione della guerra e del conflitto. 

Third time) Il Gruppo Alta Italia per l’autogoverno ( GAIA) proclama l’autogoverno come strumento transitorio di amministrazione della vita quotidiana in Alta Italia ai fini della transizione  dalla attuale fase economica e politica alla piena liberalizzazione degli scambi economici e finanziari allo scopo della libertà individuale della prosperità economica e della pace.Il principio di non aggressione

Fourth time) Né l’individuo può aggredire ingiustamente un altro individuo né lo Stato può aggredire ingiustamente un individuo. Se è lo Stato l’aggressore l’aggressione è ancora maggiore perché lo Stato deriva il suo dominio dall’uso improprio della forza della minaccia e della imposizione fiscale. Con lo Stato l’individuo è molestato concusso e vessato nella sua condizione di essere umano.   

Universal creed : Io me medesimo nella mia qualità di essere umano supplico il buon Dio della libertà e della giustizia in nome dell’amore che nutro per la verità che irrinunciabilmente professo che Egli nella sua onnisciente volontà universale rimuova gli ostacoli e gli impedimenti che perniciosi ed inani ominidi pandemici pongono alla concreta realizzazione dell’amore in terra ai fini della libertà individuale della prosperità e della pace.  

Sixth time:  contrasto adversus contratto scambio adversus conflitto competizione adversus lotta politica

 

Il contrasto il conflitto e la lotta politica perché mai dovrebbero essere  preferibili al contratto come fonte  giuridica  del consenso allo  scambio economico e alla libera competizione. Questi ultimi fattori implicano la volontarietà e l’assenza di coercizione quelli la soggezione economica e politica sulla  quale il dominio si fonda. Questi sono inerenti alle leggi economiche ispirate al libero arbitrio quelli alle leggi derivanti dal puro arbitrio. Questi implicano la responsabilità l’auto-affermazione e l’auto-disciplina e quelli l’asservimento  la irresponsabilità.   Questi  implicano l’autonomia come legge auto-fondante quelli l’eteronomia come legge esterna alla libera coscienza individuale. Questi implicano un’etica fondata sulla spontanea accettazione del dominio della legge ( the rule of law) quelli implicano il relativismo etico fondato sul diritto della forza piuttosto che sulla forza del diritto. Naturalmente la politica come  arte del possibile non deve necessariamente essere fonte di discriminazioni e di deprivazione . Ma se ciò accade cioè se essa è fonte di deprivazione dei diritti piuttosto che calcolo ragionato allo scopo della rimozione degli ostacoli posti alla piena realizzazione delle libertà economiche allora la legge economica come effetto della libera interazione degli   individui  al fine della ricchezza economica derivante dalla libera produzione e dal libero scambio economico deve costituire il fine irrinunciabile a cui gli individui nella loro singolarità non possono sottrarsi senza rinunciare insieme ad esso al fine delle  libertà economiche e politiche . Tali libertà economiche e politiche possono  essere il prodotto di una società aperta sorretta da liberi individui ispirati ai principi della auto-limitazione dei  poteri piuttosto che alla auto-crazia allo scopo della civiltà giuridica fondata sui diritti di proprietà  e sui diritti inalienabili e personalissimi fondati sul principio della inviolabilità della persona come soggetto giuridico suscettibile di imputazione di diritti e di doveri. Ciò allo scopo di assicurare alla umanità la divisione del lavoro come precondizione della libera cooperazione in assenza delle quali precondizioni appaiono impraticabili le soluzioni offerte sia dalla Scuola economica interventista e socialista sia di quella liberale e libertaria.  

Seventh time:  In assenza dei meccanismi di aggiustamento automatico degli squilibri strutturali delle economie dei differenti paesi del Continente europeo è immaginabile che essi perdureranno ancora.  Il declino a cui gradualmente il Vecchio Continente è destinato con “ la moneta unica” non trova il suo rallentamento se la politica monetaria rimane di tipo espansivo ( Il growt  time delle ultime settimane ne è la prova irrefutabile).  Sperare infatti che tali meccanismi di aggiustamento possano agire sa base endogena implica  immaginare che i prezzi nei differenti paesi europei possano godere di quella flessibilità verso il basso che potrebbe surrogare almeno in parte l’assenza di una mercato dei cambi all’interno dell’area dell’euro che frena decisamente il riequilibrio delle economie dissestate dalla economia di guerra e dal protezionismo che ne fu  la diretta emanazione. Dunque per  attenuare la rigidità strutturale dei  sistemi economici ( omogeneizzazione delle condizioni eocnomiche dei differenti paesi del Vecchio Continente)  si può esclusivamente fare leva sulla flessibilità dei prezzi verso il basso ( compreso i salari le rendite gli interessi e i profitti) se non si vuole prolungare l’agonia delle economie nazionali che soffrono il preteso dirigismo dei sistemi politici che imbavaglia ulteriormente le speranze di chi vede nella libertà individuale il più prezioso bene da preservare dalla inflazione della arroganza e della prevaricazione allo scopo di mantenere inalterato uno status quo  che vive di paillettes  e di lustrini. Oramai anche i bambini vedono il gap che separa le economie  del Vecchio Continente dal sistema economico e politico del Regno Unito che sebbene soffre analoghi mali almeno non nutre il revanscismo sordo di cui soffrono i decadenti sistemi  politici del Vecchio Continente

 

Eight time) Principo di non aggressione e suo Corollario del diritto di non aggressionee

 Il principio di non aggressione

Né l’individuo può aggredire ingiustamente un altro individuo né lo Stato può aggredire ingiustamente un individuo. Se è lo Stato l’aggressore l’aggressione è ancora maggiore perché lo Stato deriva il suo dominio dall’uso improprio della forza della minaccia e della imposizione fiscale. Con lo Stato l’individuo è molestato concusso e vessato nella sua condizione di essere umano

Eight time) Principio di non agressione e suo Corollario

Il principio di non aggressione

Né l’individuo può aggredire ingiustamente un altro individuo né lo Stato può aggredire ingiustamente un individuo. Se è lo Stato l’aggressore l’aggressione è ancora maggiore perché lo Stato deriva il suo dominio dall’uso improprio della forza della minaccia e della imposizione fiscale. Con lo Stato l’individuo è molestato concusso e vessato nella sua condizione di essere umano.

 

 

Corollario

Se il compratore che compra una merce con consegna differita scopre che la merce che deve avere in consegna non corrisponde alla merce comprata e/o contiene il damnum emergens e il lucrum cessans di una frode inattesa se non ritira la merce è in debito con il suo fornitore o è lui ( il compratore) che può esigere il pagamento del torto ingiusto che la merce contiene dal fornitore potendogli infliggere la preventiva azione di escussione e rivalsa allo scopo del suo naturale diritto alla auto-difesa ?

 

 

 

 

                                         Clorofilla 21/Settembre 2020 

 Online record for Sotheby's as economist Friedrich von Hayek's Nobel prize  medal brings major bidding

Ludwig von Mises Institute - WikipediaFrasi di Murray Newton Rothbard | Citazioni e Aforismi   Adam Smith - Wikipedia        Nessiah Festival – Festival di musica e cultura ebraicaSALARIO MINIMO FA RIMA CON DISOCCUPAZIONE FORZATA | L'Indipendenza ...       Charedì - Wikipedia                          

 

       The Free University of London: London School of Economics … | FlickrElezioni 2013 | Fermare il declino | Oscar Giannino | Risultati ...Woody Allen | il regista parla del suo matrimonio celebrato da ...Mises Institute - Happy Birthday, Hans-Hermann Hoppe! You ...Mark Zuckerberg | Money.itAvvistato nel Tirreno raro esemplare di elefante marino…Ma no, è ...Ma chi è George Soros? - Il PostWalter Block on Consent — SteemitDemocracy: The God That Failed by Hans Hermann Hoppe — Steemit

 

--

Il valore di una merce non dipende dalla sua natura, ma dalla stima degli uomini, anche se quella stima è folle. (Diego De Cavarubbias)

--

La proprietà è una conseguenza necessaria della natura dell'uomo. (Claude Frédéric Bastiat)

--

La tassa migliore è sempre la più leggera.
(Jean Baptiste Say)

--

L'economia si occupa dei problemi fondamentali della società; interessa tutti e appartiene a tutti: è il principale e specifico studio di ogni cittadino. (Ludwig von Mises)

--

 

 
   
 
 
   
I Mission I News I Servizi I Contatti I Consultazione I Acquisti I
2005 Copyright © Fabrizio Maria Narciso 
http://www.societaaperta.com/mission.htm http://www.societaaperta.com/news.php http://www.societaaperta.com/servizi.php http://www.societaaperta.com/consulenze.htm http://www.societaaperta.com/impegni.htm http://www.societaaperta.com/contatti.htm http://www.societaaperta.com/home2.htm http://www.societaaperta.com/arte_cultura.php http://www.societaaperta.com/filosofia_scienzesociali.php http://www.societaaperta.com/liberalismo.php http://www.societaaperta.com/libertarismo.php http://www.societaaperta.com/metodologia_scienze.php